Cronaca

Torre del Greco, appalti pubblici della camorra: tutti i nomi dei 7 arrestati

I carabinieri della compagnia di Torre Annunziata hanno diramato i nomi dei 7 arrestati legati all’inchiesta degli appalti pubblici della camorra a Torre del Greco.

Camorra: i nomi degli arrestati per gli appalti pubblici

Diramati i nomi delle 7 persone arrestate questa mattina, dai carabinieri di Torre Annunziata, in merito all’inchiesta legata alle mani della camorra sugli appalti pubblici a Torre del Greco.

Si tratta di:

  • Ciro Vaccaro, 54 anni,
  • Maurizio Garofalo, 47 anni,
  • Luigi Papale, 57 anni,
  • Andrea Oriunto, 33 anni,
  • Franca Magliulo, 50 anni,
  • Raimonda Sorrentino, 53 anni,
  • Domenico Gaudino, 40 anni.

Secondo il Gip del Tribunale di Napoli della Direzione distrettuale antimafia, i sette soggetti sarebbero responsabili, a vario titolo, di concorso esterno in associazione mafiosa. Ci sarebbe anche l’aggravante di concorso in estorsione con metodo e delle finalità mafiose.

Arrestate anche la moglie e l’amante del boss

Unite dall’amore per il boss ma anche dai proventi che derivavano dalle estorsioni: erano pienamente coinvolte nell’imposizione del pizzo, la moglie, ma anche l’amante, di una delle sette persone arrestate oggi dai carabinieri di Torre Annunziata nell’ambito dell’indagine della Dda di Napoli su appalti e camorra a Torre del Greco.

Si tratta di Franca Magliulo, 50 anni, moglie del capo clan Maurizio Garofalo, 47 anni, (anche lui arrestato) e Raimonda Sorrentino, 53 anni, amante del boss Garofalo, dalla cui relazione era nato un figlio che, dunque, la legittimava ad avanzare la richiesta dei proventi estorsivi. Tutti gli arrestati sono ritenuti affiliati ai clan Di Gioia-Papale e Falanga di Torre del Greco. Sono accusati di avere imposto il pizzo alle ditte edili che, nel comune vesuviano, erano impegnate nella raccolta dei rifiuti solidi urbani e nei lavori di recupero dell’edificio comunale, ex pescheria borbonica, di Largo Costantinopoli, da adibire a Comando di Polizia Municipale. Fatti che sono finiti sotto la lente di indagine degli inquirenti già dal 2012.

Articoli correlati

Back to top button