Cronaca

Truffa a Gragnano, agenti di viaggio spariti: “Scappati in Albania coi nostri soldi”

Improvvisato un sit-in all'esterno dell'agenzia

Truffati a Gragnano da due agenti di viaggio che sono scappati con i soldi di coloro che avevano prenotato un viaggio. Due sposi in viaggio di nozze bloccati a Dubai perché mancano i biglietti di ritorno. Stesso problema per una famiglia, rimasta a Parigi dopo aver scoperto che per Disneyland era stato prenotato un solo giorno anziché i tre pagati.

Gragnano, agenti di viaggio scappati con i soldi dei viaggiatori

Vacanze da incubo per chi è riuscito a partire, viaggi inesistenti per almeno altre 300 famiglie, per una presunta truffa con cifre da capogiro. È montata la protesta dei tanti clienti della “7D Viaggi”, agenzia di via Madonna delle Grazie a Gragnano, con oltre 50mila follower sui social e centinaia di clienti in tutta la Campania.

Il sit-in davanti la sede dell’agenzia

Poco prima della mezzanotte di sabato, un centinaio di persone provenienti da Napoli e provincia si sono radunate in un sit-in improvvisato all’esterno dell’agenzia e hanno cercato invano, fino alle tre di notte, Daniela e Antonio, i due giovani titolari scomparsi nel nulla con un gruzzolo che da una prima stima supera sicuramente il mezzo milione di euro. Protesta continuata anche ieri, quando gli stessi clienti si sono presentati a Castellammare di Stabia, presso il ristorante del papà di Antonio per chiedere conto di quanto accaduto. In entrambi i casi, sono intervenuti i carabinieri per calmare la folla.

Le indagini

Sono in corso le indagini dei carabinieri della stazione di Gragnano e della compagnia di Castellammare di Stabia, coordinate dalla Procura di Torre Annunziata. Finora sono giunte ai carabinieri quasi cento denunce da tutta la provincia, ma in tanti stanno cercando di organizzarsi in gruppi per promuovere una class-action contro l’agenzia, che sabato pomeriggio ha annunciato su Facebook la chiusura per problemi finanziari.

La fuga in Albania

In realtà hanno comprato un resort in Albania con i nostri soldi” accusano alcuni presunti truffati. Diverse sono le storie che stanno emergendo dalle tante denunce. La più incredibile riguarda i due giovani sposi stabiesi, bloccati a Dubai da due giorni: l’hotel non ha più la stanza per loro, da programma dovevano raggiungere le Maldive, ma in realtà nonostante oltre 10mila euro versati, la loro luna di miele sta proseguendo in aeroporto in attesa di un volo che dovranno pagare di tasca loro.

La protesta: “rivogliamo i nostri soldi”

In molti hanno pagato in contanti e i contratti erano scritti a penna, come sempre” raccontano in tanti. “Mi sono fidato come ogni anno, non avevo chiesto una ricevuta” dice un uomo di Castellammare. “Io ho pagato 10mila euro per la mia vacanza, li rivoglio” attacca un imprenditore edile di Gragnano. In tanti avevano prenotato vacanze in Calabria, Puglia e Sardegna, ma anche all’estero: Sharm el-Sheikh, Grecia e Spagna, ma anche l’Albania per i prezzi convenienti e la bellezza di alcuni luoghi, che Antonio tour operator specializzato per quelle località promuoveva con tutti i clienti, soprattutto i più giovani. E proprio in Albania, è il sospetto di molti, sarebbero finiti i loro soldi.

Articoli correlati

Back to top button