Cronaca

Truffa ad anziani, arrestato 26enne dai carabinieri

Truffa ad anziani, un arresto da parte dei carabinieri. Da una vittima era addirittura riuscito a farsi consegnare Bancomat e pin.

Truffa ad anziani

I militari dell’Arma della compagnia di Sorrento coordinati dal capitano Marco La Rovere con il supporto nella fase esecutiva di colleghi della compagnia Stella di Napoli hanno tratto in arresto per truffa aggravata a un 82enne e per tentata truffa a una 86enne Vittorio Maranta, un 26enne di Forcella già noto alle forze dell’ordine per furto e rapina e ora destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari emessa dal Gip di Torre Annunziata.

Le indagini

Il provvedimento è stato deciso dopo indagini avviate a luglio dai militari dell’Arma della stazione di Piano di Sorrento, che hanno raccolto gravi e concordanti indizi a carico del 26enne. Il 19 luglio si era presentato a casa di un 82enne di Meta e fingendosi un avvocato che si stava occupando di un incidente stradale causato dal figlio dell’anziano – che era stato arrestato e per la liberazione del quale era necessario pagare 8mila e 500 euro – era riuscito a convincere la vittima a consegnare gli oggetti preziosi tenuti in casa e la carta bancomat con tanto di pin, con la quale si era recato al più vicino sportello automatico e aveva fatto un prelievo di 500 euro.

L’identificazione grazie alle telecamere

I carabinieri lo hanno identificato grazie alle immagini dall’apparecchio Bancomat e a quelle della videosorveglianza cittadina che, incrociate con quelle di una tentata truffa a una 86enne di Vico Equense, hanno fatto emergere la sua responsabilità anche in questo caso.

Il 26 luglio, infatti, aveva chiesto alla donna 3mila euro (sempre presentandosi come avvocato e chiedendo il pagamento dei danni di un incidente provocato dal nipote). In questo caso la signora lo aveva smascherato riuscendo a contattare in tempo il nipote e subito dopo i militari mentre il 26enne, intuito che stava per finire in manette, era riuscito ad allontanarsi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button