Cronaca

La commovente storia di Nonna Teresa, salvata al Cardarelli da un tumore maligno

Protagonista della storia è Nonna Teresa, una donna di 84 anni affetta da un tumore maligno e salvata grazie ai medici del Cardarelli di Napoli

Una storia a lieto fine quella di nonna Teresa, salvata al Cardarelli da un tumore maligno. Una favola di Natale che, soprattutto in tempi così difficili dovuti alla pandemia di Coronavirus, scalda ancora di più il cuore. Protagonista della storia è Nonna Teresa, una donna di 84 anni affetta da un tumore maligno che le aveva devastato la schiena.

La donna è stata salvata e restituita all’affetto dei suoi cari, soprattutto durante queste festività natalizie, grazie al lavoro dei medici dell’ospedale Cardarelli di Napoli.

La storia di nonna Teresa salvata da un tumore maligno al Cardarelli

Tre equipe chirurgiche sono state impiegate nell’intervento salvavita al quale è stata sottoposta Nonna Teresa e che è durato più di 6 ore. “Quando è arrivata da noi la paziente era in condizioni molto gravi. Per i rischi legati al Covid, aveva deciso di rimandare il più possibile il ricovero, ma in pochi mesi il tumore era cresciuto al punto da fuoriuscire dalla schiena”. Questo ha dichiarato Gianluca Guggino, direttore dell’Unità Operativa Commessa di Chirurgica Toracica.

Oltre al dottor Guggino, sono intervenuti i chirurghi dell’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Plastica diretta dal dottor Roberto D’Alessio, in particolare i chirurghi Dario d’Angelo e Alfonso Alberico. Terza equipe coinvolta, quella dell’Unità Operativa Complessa di Anestesiologia, con la dottoressa Manuela Sellìni e gli infermieri di sala operatoria CPSE Cristina Garzone, Ferdinando Capone e Alfonso Esposito.

Nonna Teresa può finalmente tornare a casa dal marito e i figli

L’intervento è perfettamente riuscito e Nonna Teresa ha superato senza problemi i due giorni di ricoveri in Terapia Intensiva. Dopo la convalescenza, ha potuto fare ritorno a casa, circondata dall’affetto del marito e dei figli.

Un plauso all’intervento è arrivato dal direttore generale del Cardarelli, Giuseppe Longo: “Interventi simili sono un po’ la punta di un’iceberg fatto di straordinaria assistenza, della quale si parla poco, ma che è all’ordine del giorno per tutto il nostro personale. Ciò che è importante far comprendere è che quest’azienda esprime grandi professionalità e non si è mai fermata, nonostante le difficoltà legate alla pandemia”. Dello stesso avviso anche Giuseppe Russo, direttore sanitario del nosocomio partenopeo.

Articoli correlati

Back to top button