Politica

“Non mi piace la piazza per Giancarlo Siani”, ex sindaco di Vico Equense nella bufera

Vico Equense, bufera sull'ex sindaco Migliaccio su piazza Giancarlo Siani: "Doveva essere ricordato a Torre Annunziata"

Polemiche a Vico Equense per le parole dell’ex sindaco Benedetto Migliaccio sulla piazza dedicata a Giancarlo Siani, giornalista ucciso dalla camorra Torre Annunziata. Non mi piace che Vico Equense abbia dedicato la sua piazza più importante a Giancarlo Siani” sono state le parole di Migliaccio durante una intervista di argomento politico andata in rete sul canale YouTube del settimanale Agorà Penisola Sorrentina lo scorso 23 settembre, proprio nel giorno dell’anniversario della morte del giornalista del Mattino ucciso dalla camorra nel 1985, che amava trascorrere le sue estati proprio a Vico Equense.

Vico Equense, bufera sull’ex sindaco Benedetto Migliaccio su piazza Giancarlo Siani

Nel video, Migliaccio spiega: “Siani doveva essere ricordato a Torre Annunziata, dove scriveva, dove lottava contro la camorra. Accostare Vico ai problemi di malavita, soltanto perché Siani veniva qua a trovare la fidanzata… I simboli in politica sono importanti. Siani merita certamente tantissimo ma la sua battaglia è stata altrove. Sarebbe stato meglio intitolare una piazza a chi da Vico ha fatto grande l’economia nel Settecento. Qui abbiamo un circuito di persone che hanno fatto cose straordinarie e non lo sappiamo”.

La replica di Paolo Siani

Paolo Siani, fratello di Giancarlo, al Fatto Quotidiano ha affermato: “Le parole di Migliaccio si commentano da sole e mi addolorano, non considerano il dolore delle famiglie che hanno avuto vittime innocenti di mafia e che si battono ogni giorno per non far dimenticare queste tragedie.

Per fortuna la stragrande maggioranza delle cittadine e dei cittadini la pensa molto diversamente. E allora noi ci rivolgiamo ai ragazzi di Vico Equense, di Torre Annunziata, di Napoli: non ascoltate queste parole, approfondite le storie delle vittime innocenti. Piuttosto, ci auguriamo che ci siano altre piazze in tutto il Paese intitolate alle tante vittime innocenti delle mafie”.

Articoli correlati

Back to top button