Cronaca

Aggressioni ai medici, lo Smi: “Bene le parole del ministro Grillo”

NAPOLI. In una nota lo Smi (Sindacato dei medici Italiani) sezione della Asl Napoli 1 centro con il segretario Ernesto Esposito e consigliere Nazionale SMI esprime soddisfazione per il discorso del ministro Giulia Grillo al congresso Anaao tenutosi ieri.

La nota del sindacato Smi

Esposito (SMI): “Il ministro ha fatto riferimento nella sua prima uscita pubblica alla problematica delle aggressioni contro i medici ed alla nota vicenda che ha colpito la nostra collega e dirigente SMI Serafina Strano di Catania (violentata durante il servizio) che è stata salutata dai colleghi in platea con un grande applauso. Su tale vicenda abbiamo inoltrato la nostra richiesta al ministro per voler aumentare la sicurezza dei medici senza chiudere i presidi territoriali notturni perché questa sarebbe solo una resa per lo Stato ed un drammatico taglio ai servizi per i cittadini più deboli senza risolvere il problema aggressioni. Abbiamo evidenziato dati alla mano i buoni risultati raggiunti con il modello posto in essere dalla Asl Napoli 1 centro che ha coperto con vigilanza non armata ed in alcuni casi armata tutte e 10 le postazioni territoriali di continuità assistenziale (ex guardia medica). Questo modello di organizzazione dovrebbe essere esteso a tutte le postazioni Nazionali con un solo medico di turno la notte e sopratutto in territori isolati notoriamente a rischio. È in corso un lavoro di rilevamento in Campania da parte dello SMI sulle postazioni maggiormente “a rischio” ed i risultati saranno da noi presentati al Ministero della Salute al fine di sollecitare le ASL competenti per riorganizzare la sicurezza in questi presidi notoriamente “a rischio”. Inoltre il Ministro della Salute ha richiamato tutti i medici alla partecipazione e se necessario ad un supplemento di abnegazione che è di fatto un tratto distintivo della nostra professione in tutti i settori”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button