Cronaca

Camorra: il comune revoca l’affidamento della Masseria Ferraioli

AFRAGOLA. La città è in pieno stato di emergenza per le 8 esplosioni dalla fine dell’anno a oggi. Il comune cosa fa? Revoca l’affidamento della Masseria Ferraioli. Da che parte sta?

Proprio in questa fase di emergenza di camorra, il Comune rischia così di distruggere una autorevole e radicata esperienza di contrasto alla camorra e di riuso sociale di un bene confiscato.

Camorra ad Afragola

La Masseria Ferraioli in questi due anni ha svolto un enorme lavoro: sono stati piantati quasi 2.000 alberi da frutta nell’area che fu incendiata, e altri 2.000 peschi sono stati salvati dall’incuria in cui versavano, sono stati realizzati 120 orti urbani gestiti da famiglie e cittadini del territorio, creando un’esperienza senza precedenti in tutta Italia, sono stati messi in sicurezza i rifiuti presenti sull’area al momento della consegna, grazie a un grande lavoro di progettazione sono stati ottenuti finanziamenti importanti del PON Legalità per ristrutturare la Masseria e realizzare una casa di accoglienza per donne e minori vittime di violenza, mentre grazie al supporto di Costa Crociere è nata una start-up al femminile per commercializzare i nostri prodotti.

E nel frattempo sono stati realizzati tanti eventi, i campi estivi di Libera, e ci sono state importanti visite istituzionali come quelle del Presidente della Camera Roberto Fico e del Ministro dell’Ambiente Sergio Costa.
E mentre in città scoppiano le bombe della camorra, il Comune che fa? Lancia la sua bomba sul bene confiscato, tentando di stroncare questa esperienza di riscatto e di lotta alla camorra.


masseria afragola


Questo fulmine a ciel sereno viene giustificato con un cavillo legato a una vecchia vicenda giudiziaria legata ai terreni, risalente al 2014, che furono sequestrate per impedire che venissero coltivate abusivamente da un agricoltore del posto. Una vicenda di scarso rilievo e che non ha nulla a che fare con la storia nuova che da due anni si sta scrivendo alla Masseria.

Una vicenda che si potrebbe tranquillamente risolvere mettendo al primo posto la lotta alla camorra e la difesa della legalità. Perché il Comune agisce diversamente? E perché lo fa proprio nel momento in cui in città scoppiano le bombe della camorra? Da che parte sta il Comune di Afragola?

Sono tutte domande che i cittadini di Afragola aspettano risposta.
Afragola non si arrende.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button