Cronaca

Distrutta l’auto dell’avvocato di Ciro Esposito: “Non è la prima volta”

Non è la prima volta che l’auto dell’avvocato di Ciro Esposito, il tifoso del Napoli ucciso a Roma, è vittima di raid. Questa volta l’auto è stata distrutta.

Auto dell’avvocato di Ciro Esposito, soggetta a raid

«È la seconda volta in 20 giorni e sono tornato a fare denuncia». Angelo Pisani, avvocato e presidente dell’associazione “Noiconsumatori”, è stato vittima di un raid contro la sua auto, una Smart, in via Raffaello. L’auto  è stata distrutta: «Intanto ho fatto denuncia al commissariato del Vomero ed è la seconda volta in 20 giorni che mi vandalizzano l’auto. Quello fatto nella notte tra sabato e domenica è però stato un raid dove mi hanno distrutto l’auto, e chi lo ha fatto ha lasciato all’interno della vettura due libri: uno è la Bibbia, l’altro le Confessioni di Sant’Agostino. Francamente non so cosa possa significare». Pisani è un avvocato  che si occupa della battaglia legale per la morte del povero Ciro Esposito, il tifoso del Napoli uccisa a Roma da un ultras romanista prima della finale di Coppa Italia che si giocò all’Olimpico tra gli azzurri e la Fiorentina. Ultimamente ha preso posizione anche sulla questione razzismo.


auto avvocato Ciro Esposito


Vittima di razzismo

«Devo dire che su fb sono quotidianamente insultato dai tifosi della Roma e della Juve per la vicenda di Esposito e del razzismo». Insomma, si sospetta, vista la delicatezza dei temi trattati da Pisani, il raid possa essere legato al mondo del tifo violento. Tuttavia è lo stesso avvocato a chiarire che il raid dal suo punto di vista non può che essere legato al suo lavoro. «Penso proprio di sì – racconta Pisani – non so se si tratta del tifo violento potrebbe anche essere altro, negli ultimi anni ho fatto diversi processi per separazione tra coniugi e devo dire che poi alla fine qualcosa contro l’avvocato o il marito o la moglie che si stanno per dividere la tirano sempre fuori. Io comunque vado avanti con il mio lavoro senza problemi».

Articoli correlati

Back to top button