Cronaca

Emergenza Coronavirus, Luigi de Magistris: “Persone facoltose diano contributo”

Il primo cittadino, Luigi de Magistris, fa un appello a tutte le persone facoltose del comune di Napoli di aggiungere alle belle parole i fatti, donando un contributo per le famiglie bisognose. Ognuno doni la somma che può, sapendo che questi soldi andranno nelle case che in questo momento soffrono a causa dell’emergenza Covid-19.

Luigi de Magistris: “Persone facoltose diano contributo”

“Noi siamo qui al lavoro h24, anche a mani nude. Abbiamo trovato risorse, c’è tanto volontariato, tante reti civiche. Oggi pomeriggio avremo l’iban e dico a tutte le persone facoltose di Napoli che questo è il momento di aggiungere alle belle parole i fatti. Ognuno metta quello che può, sapendo che questi soldi saranno gestiti con trasparenza, mani pulite, e andranno nelle case della gente che ha veramente ha bisogno“.

Continua il sindaco di Napoli

“Saremo operativi in settimana – ha detto il sindaco – con il fondo di solidarietà comunale ‘Cuore di Napoli’. Il banco alimentare invece è già operativo, la base logistica è in Mostra d’Oltremare, stiamo consegnando una prima tranche di derrate alimentari, medicinali e altro. Ricordo anche il numero 0817955555 che riceve telefonate e messaggi: il numero censisce anche chi non è censito, persone del lavoro sommerso che è tipico del Mezzogiorno, noi vogliamo arrivare ovunque. Non è che chi lavora a nero non ha diritto al piatto di pasta, perché il lavoratore a nero è uno sfruttato. Segnalateci casi per continuare con lo spirito di squadra e Napoli eviterà che la criminalità arrivi prima della gente con la faccia pulita”.

Sottolinea

“La città risponde bene. Noi siamo qui ed è importante anche il lavoro dell’informazione, perché ci vuole attenzione ma senza panico. Ai cittadini dico di non mollare, resistere, rispettare le prescrizioni e vinceremo questa guerra, ne sono sicuro perché anche la nostra città sta dando un segnale di grande responsabilità“.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

Articoli correlati

Back to top button