Cronaca

“A mia figlia bruciava la bocca”: cibo scaduto nelle mense scolastiche

Una ragazza di 23 anni ha presentato una denuncia ai carabinieri di Camigliano, nella provincia di Caserta: la ragazza ha riferito ai militari che sua figlia, dopo aver bevuto da una bottiglietta d’acqua che le avevano dato a scuola, ha accusato dei forti bruciori alla bocca. I militari dell’Arma hanno così fatto partire gli accertamenti del caso, che li hanno condotti alla cooperativa sociale.

Cibo scaduto nelle mense scolastiche nel casertano

Cibo avariato, scaduto, o in pessimo stato, distribuito a molti istituti scolastici della provincia di Caserta: questa la scoperta fatta all’interno di una cooperativa sociale del luogo dai carabinieri della stazione di Pignataro Maggiore, dai colleghi del Nas di Caserta e dal personale della Asl locale.

I militari dell’Arma hanno effettuato un blitz nella cooperativa e hanno individuato circa un quintale di cibo scaduto, avariato o conservato in pessime condizioni igienico-sanitarie, per un valore complessivo di 10mila euro.

 

Fonte: Napoli fanpage

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto