Cronaca

Napoli, droga nascosta nel pacco postale per i detenuti

Droga nascosta nel pacco postale per i detenuti in carcere a Secondigliano. Hanno tentato di introdurre della droga e una sim-card in carcere a Secondigliano ma grazie alla professionalità del personale di Polizia Penitenziaria è stato intercettato e sequestrato. A darne notizia è il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria.

Droga nascosta nel pacco postale per i detenuti: la scoperta a Napoli

Ennesima brillante operazione messa a segno della polizia penitenziaria di Secondigliano, che opera nell’azione di contrasto all’introduzione di telefonini cellulari nonchè allo spaccio di sostanze stupefacenti nel penitenziario. Ieri gli uomini assegnati al settore che si occupa del controllo pacchi postali hanno rinvenuto della droga abilmente occultata in confezioni di alimenti sottovuoto ed una sim-card. Tutto sequestrato e posto nella disponibilità dell’Autorità giudiziaria. Questo ritrovamento di oggetti che possono senz’altro minare l’ordine ed la sicurezza del carcere, oltre a favorire le dinamiche criminose nel penitenziario, inquieta non poco.”, commenta il segretario generale del SAPPE Donato Capece.

Per il SAPPE, “nonostante la previsione di reato prevista dal art. 391 ter del Codice penale di recente emanazione per l’ingresso e detenzione illecita di telefonini nelle carceri, con pene severe che vanno da 1 a 4 anni, il fenomeno non sembra ancora attenuarsi. Torniamo a sollecitare urgenti soluzioni drastiche, come la schermatura delle Sezioni detentive e degli spazi nei quali sono presenti detenuti all’uso dei telefoni cellulari e degli smartphone”.

Annalisa Barra

Annalisa Barra, giornalista del network L'Occhio, è esperta di comunicazione, scrittura Seo, social media e copywriting.

Articoli correlati

Back to top button