Cronaca

Poggioreale, droga in un doppio fondo ricavato tra le foto spedite a un detenuto

“Il plauso va a tutti quei poliziotti penitenziari in prima linea”

Poggioreale, droga in un doppio fondo ricavato tra le foto spedite a un detenuto. “Il plauso va a tutti quei poliziotti penitenziari in prima linea” ha fatto sapere il sindacato Osapp.

Poggioreale, droga tra le foto spedite a un detenuto

Un espediente piuttosto originale per introdurre sostanza stupefacente all’interno del carcere di Poggioreale, a Napoli, è stato per fortuna scoperto dagli agenti della Polizia Postale in servizio nella casa circondariale partenopea.

Diverse dosi di hashish sono state infatti rinvenute e sequestrate dai poliziotti in un doppio fondo ricavato in 10 delle 30 fotografie spedite via posta a un detenuto nel carcere napoletano. A rendere noto l’accaduto è l’Osapp, sindacato di Polizia Postale. Luigi Castaldo, vice segretario del sindacato per la Campania, ha dichiarato:

“Tanti sono i metodi criminosi per occultare materiale illecito posti in essere dalla criminalità, ma nonostante le grosse criticità che soffre il personale di Polizia Penitenziaria dell’intera regione, si riesce ad espletare con zelo e scrupolo il proprio dovere. Il plauso va a tutti quei poliziotti penitenziari in prima linea, come gli addetti alla corrispondenza, che oggi, coordinati dal dirigente aggiunto Gaetano Diglio, sono riusciti a evitare che la droga giungesse a destinazione”.

Come rimarcato anche dall’Osapp, sono tanti i metodi attraverso i quali si cercano di introdurre sostanze e oggetti proibiti, come droga e telefoni cellulari, all’interno delle carceri campane.

Articoli correlati

Back to top button