CronacaCuriosità

Procreazione assistita: no al Regionalismo differenziato

Federlab Pma si associa ai dieci Ordini delle professioni sanitarie e sociali, che si sono riuniti a Roma, sabato scorso, per dire no al Regionalismo differenziato.

Procreazione assistita: “La regolamentazione diversa per ogni regione crea solo confusione”

«La Procreazione Medicalmente Assistitia, ancora più degli altri settori sanitari, è caratterizzata da forti differenze regionali per numero di centri, offerta privata e pubblica e sostegno economico alle coppie. Tale regolamentazione diversa per ogni regione, crea solo confusione ed enormi difficoltà per le coppie che non capiscono dove poter rivolgersi, quali costi sostenere, se in regime privato o pubblico, fino a che età è possibile effettuare le tecniche in convenzione e per quale motivo la residenza o l’eta’ discrimini i trattamenti.

Questo disorientamento fa sì che l‘offerta sia concentrata solo in alcune regioni, e molto spesso ancora oggi, spinge le coppie a scegliere altre nazioni per avere un figlio».

«La Federlab Pma non è contraria al regionalismo, ma chiede che le scelte in merito alla Pma vengano fatte interpellando chi se ne occupa quotidianamente. Per cui la Federlab Pma sottofirma il documento presentato a Roma dai dieci Ordini delle professioni sanitarie e chiede di essere chiamata in causa per  mettere finalmente ordine nella già confusionaria situazione della Pma»: lo dichiara in una nota Alfonso Maria Irollo, delegato campano e vicepresidente FederLab Pma.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button