Cronaca

Raid armato in discoteca a Napoli: polizia chiude locale per inosservanza norme Covid

Ma per i gestori del locale non è bastato il raid armato, anche la polizia cala l'asso imponendo la chiusura amministrativa di 4 giorni per presunte inosservanze delle norme anti Covid

Movida violenta a Napoli. Assalto armato ad un locale del Centro Direzionale. Tutto è successo sabato 27 novembre, quando un gruppo di persone rimbalzate dal locale tornano con le pistole sparando in aria e seminando il terrore. Ma per i gestori del locale non è basta il raid armato, anche la polizia cala l’asso imponendo la chiusura amministrativa di 4 giorni per presunte inosservanze delle norme anti Covid.

Movida violenta a Napoli: assalto armato ad un locale nel Centro Direzionale

Tutto accade, come riporta Il Mattino, in un sabato sera al Duel Club, Isola E1 del Centro direzionali, a due passi dal Palazzo di Giustizia. È qui che si presenta un gruppetto di giovani sui 25 anni che vorrebbero trascorrere la serata sulla pista da ballo. Il locale, che recentemente ha riaperto i battenti, è però quella sera riservato ad una festa privata, un compleanno. Niente da fare, non si può entrare. Loro, i ragazzi, insistono e deve intervenire la security interna per convincerli a desistere. Il gruppo non la prende bene, ma si allontana.

L’attacco

Passano meno di due ore – e siamo dunque oltre l’una e mezza della notte – ed ecco ricomparire un gruppo di persone, questa volta però con il volto coperto da passamontagna, che inizia a lanciare bottiglie contro le vetrate d’ingresso e tenta persino di sfondare una porta laterale, un’uscita di sicurezza del disco club. Il body guard che poco prima era intervenuto riceve anche un colpo al viso. Si scatena il panico, che trova il suo culmine quando almeno un paio di componenti il branco estrae dai giubbotti due pistole e inizia a sparare. Almeno quattro esplosioni rompono il silenzio surreale della notte al Centro direzionale. L’assalto viene registrato dai sistemi di videosorveglianza del locale, e sono in corso indagini da parte della Polizia scientifica e della Squadra mobile.

Locale chiuso per inosservanza delle norme anti Covid

Come se non bastasse, il provvedimento adottato dal commissariato Vasto Arenaccia contesta ai titolari del Duel Club un assembramento interno al locale, in violazione delle norme anti Covid, proprio quel sabato sera. “Dopo il danno anche la beffa – commenta Lorenzo Olivieri a Il MattinoProporremo ricorso amministrativo a questa decisione ingiusta e non fondata. Intanto, però, abbiamo perso le prenotazioni che avevamo per il Ponte dell’Immacolata. Chi ci risarcirà? Noi con la polizia abbiamo collaborato, siamo vittime e mai ci saremmo aspettati un atteggiamento da sceriffi, come ha avuto invece chi dirige il commissariato. In noi resta solo tanta amarezza: èperché rispettiamo alla lettera la normativa anti Covid e abbiamo subìto un’ingiustizia“.

Fonte: Il Mattino

Articoli correlati

Back to top button