Politica

Sequestro Aldo Moro, il ricordo di Bassolino: “Quel giorno cambiò tutto”

NAPOLI. “Ammazzano i 5 agenti della sua scorta e rapiscono per poi uccidere uno statista e uomo dai lunghi pensieri come Aldo Moro“, esordisce così Antonio Bassolino nel post in cui ricorda i tragici fatti che si consumarono il 16 marzo del 1978 in via Fani a Roma.

Caso Moro, le parole di Bassolino

“Quel giorno viene colpita mortalmente anche la politica di Berlinguer, come mi disse lucidamente e poi scrisse in un libretto Alberto Menichelli, autista ed amico personale di Enrico (tra i pochissimi che avevano qualche sua confidenza). Cambia davvero tutto in quel disumano e al fondo reazionario, altro che rivoluzionario, giorno di 40 anni fa”, conclude l’ex sindaco di Napoli.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button