Cronaca

Turismo a Napoli, la black list e le cose belle della città

NAPOLI. “Napoli sei bellissima, ma hai anche tanti problemi”: questo il senso di quanto dichiarato, per così dire, dai turisti che nelle feste di Natale hanno preso d’assalto e sono ancora presenti in città, probabilmente presenti in città sino all’Epifania: lo riporta il quotidiano Il Mattino.

Un momento magico per il turismo

È stato un intero anno dai numeri clamorosi per il settore che ha registrato una crescita esponenziale. In due anni il numero di camere occupate è aumentato di sei punti percentuali passando dal 72 al 78%; anche il costo medio del soggiorno è cresciuto, con buona pace degli albergatori e delle oltre 1.200 famiglie degli addetti che lavorano negli hotel della città.

Il dossier di Federalberghi

Federalberghi, proprio nei giorni in cui si registra l’exploit massimo di occupazione, ha messo a punto un dossier da condividere con la città, anzi con quella porzione di città che dovrebbe contribuire alla crescita del turismo. Gli albergatori hanno raccolto tutte le critiche dei turisti, quelle che vengono presentate alle reception, che sono condivise al concierge, le hanno sistematizzate e hanno tirato fuori un documento: una black list con i dieci «orrori» di Napoli agli occhi di un turista.

A questo punto va chiarito, per evitare malintesi, che i turisti hanno anche raccontato le meraviglie della città: la bellezza dei luoghi, il fascino della cultura, la meraviglia di una città viva e vitale, il calore degli abitanti. Insomma, Napoli piace tanto. Però per renderla ancora più accattivante agli occhi di un visitatore, bisogna cancellare ogni ombra. Ecco, dunque, che la black list torna utile per una riflessione sul futuro.

Le dieci critiche più frequenti

Le dieci critiche più frequenti presentate dai turisti le leggete in questa stessa pagina, si va dal fallimento dei trasporti alla mancanza di eventi, dalla sensazione di insicurezza alla carenza di bagni pubblici, dalle difficoltà di parcheggio alla mancanza di decoro, dalla scarsa pulizia alla prostituzione che arriva fin sotto i balconi degli hotel.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button