Cronaca

Sigarette di contrabbando dall’Est Europa: 18 arresti in Campania | I NOMI

Arresti per contrabbando di sigarette Napoli. I finanzieri del G.I.C.O. di Napoli hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Napoli nei confronti di 8 persone appartenenti a un’organizzazione dedita al traffico internazionale di tabacchi lavorati esteri dall’Est Europa all’Italia.

Arresti per contrabbando di sigarette Napoli, le indagini

Le indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia partenopea, miravano a ricostruire l’operatività di un gruppo criminale che avrebbe avuto contatti con analoghe organizzazioni localizzate in Grecia. Gli indagati hanno sperimentato differenti rotte per l’importazione dei tabacchi di contrabbando in Italia, nonché peculiari sistemi di occultamento dei carichi: in un’occasione, ad esempio, sono stati scoperti dagli specialisti del G.I.C.O. pacchetti di sigarette nascosti all’interno di un carroponte di tipo industriale.


arresti-contrabbando-sigarette-napoli-27-febbraio


Per quanto riguarda gli itinerari, la merce proveniente dall’Est Europa sarebbe stata introdotta in Italia via mare dalla Grecia a bordo di autoarticolati stranieri e occultata tra carichi di copertura sempre diversi. Una volta sbarcati in Italia, nei porti di Bari o Brindisi, gli autotrasportatori, dirigendosi verso Napoli, avrebbero utilizzato delle “staffette” per verificare l’assenza di posti di controllo delle Forze di Polizia lungo il percorso.

In base agli elementi raccolti nel corso delle indagini, a seguito dei numerosi sequestri subiti, il sodalizio avrebbe successivamente mutato il proprio modus operandi facendo giungere i carichi esclusivamente via terra in depositi nelle province di Parma e Bologna optando per un frazionamento delle spedizioni dall’Emilia a Napoli per ridurre il rischio di grossi sequestri.

Nel corso di tutta l’investigazione, complessivamente, sono state sequestrate oltre 30 tonnellate di sigarette e sono state arrestate in flagranza di reato 10 persone, alle quali si aggiungono gli 8 soggetti raggiunti dalla OCC (elenchi nominativi in allegato). Il capo del gruppo criminale, Francesco Stanzione, è stato catturato in Grecia, anche grazie alla collaborazione della Polizia ellenica.

Gli arrestati in carcere

  • Raimondo Bastone, nato a Napoli il 27 gennaio 1955;
  • Pietro Benecchi, nato a Parma il 20 marzo 1968;
  • Franco Franciosi , nato a Gravedona il 17 aprile 1953;
  • Domenico Luongo, nato a Villaricca il 8 gennaio 1979;
  • Tiziana Russo, nata a Napoli il 14 marzo 1975;
  • Nicola Silvano, nato a Tufino il 19 settembre 1960;
  • Francesco Stanzione, nato a Napoli il 10 marzo 1958.
  • Antonio Stanzione nato a Napoli il 14 ottobre 1987;

Gli arrestati nel corso dell indagini

  • Antonio Bastone, nato a Napoli il 16 febbraio 1997;
  • Badica Cnstantin, nato in Romania il 23 luglio 1977;
  • Franco Franciosi,  nato a Gravedona il 17 aprile 1953;
  • Chiru Mantalu, nato in Romania il 13 settembre 1956;
  • Leopoldo Manzo, nato a Napoli il 12 agosto 1985;
  • Sebastiano Orlandi, nato a Parma il 31 maggio 1970;
  • Petros Perdikouris, nato in Grecia il 30 settembre 1968;
  • Giuseppe Sagliano, nato a Villaricca il 1 maggio 1969;
  • Emanuele Sarnelli,  nato a Napoli il 3 ottobre 1990;
  • Fabio Settembrini, nato a Napoli il 3 aprile 1984.

Paolo Siotto

Giornalista pubblicista dal 2015, collabora per l'Occhio da giugno 2019 dopo diverse esperienze con testate locali tra cui il quotidiano Metropolis. Redattore per SalernitanaNews, nel tempo libero ama dedicarsi alla buona musica.

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto