Cronaca

Scoperti dei cellulari all’interno del carcere di Secondigliano

All’interno del carcere di Secondigliano sono stati rinvenuti alcuni cellulari. I telefoni erano in possesso di alcuni detenuti lavoranti. La scoperta è stata possibile grazie al meticoloso lavoro dei Baschi Blu.

Scoperti dei cellulari all’interno del carcere di Secondigliano

Il segretario regionale per la Campania del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe, Tiziana Guacci, ha evidenziato che “è sempre e solo grazie all’alta professionalità dei Baschi Azzurri di Secondigliano che ancora una volta si è riusciti a garantire la sicurezza interna dell’istituto.

Va detto con estrema chiarezza che senza un immediato intervento dell’amministrazione sarà sempre più difficile garantire la legalità e la sicurezza all’interno dei penitenziari italiani. Per questo il Sappe esprime il proprio apprezzamento al personale di Polizia Penitenziaria in servizio nel carcere di Secondigliano”.

Le dichiarazione del Sappe

Donato Capece, segretario generale del Sappe sottolinea come il rinvenimento sia avvenuto “grazie all’attenzione, allo scrupolo e alla professionalità di personale di Polizia, coordinato dal dirigente del corpo a comando del reparto.

Questo deve far comprendere una volta di più come l’attività di intelligence e di controllo del carcere da parte della Polizia Penitenziaria diviene fondamentale. E deve convincere sempre più sull’importanza da dedicare all’aggiornamento professionale dei poliziotti penitenziari in materia di contrasto all’uso ed al commercio di telefoni cellulari e stupefacenti in carcere”.

Per il Sappe “nonostante la previsione di reato prevista dal art. 391 ter del Codice penale di recente emanazione per l’ingresso e detenzione illecita di telefonini nelle carceri, con pene severe che vanno da 1 a 4 anni, il fenomeno non sembra ancora attenuarsi. Torniamo a sollecitare urgenti soluzioni drastiche, come la schermatura delle Sezioni detentive e degli spazi nei quali sono presenti detenuti all’uso dei telefoni cellulari e degli smartphone”.

Ileana Picariello

Ileana Picariello, giornalista del network L'Occhio, è esperta in cronaca nera, politica e inchieste.

Articoli correlati

Back to top button