Cronaca

Confcommercio: quasi 30 miliardi persi in operazioni illegali. Minniti: «Più sicurezza»

NAPOLI. I dati della Confcommercio parlano di ben 28,4 miliardi di euro persi a causa delle operazioni illegali nel commercio e negli esercizi pubblici. Da ciò deriva un altro dato allarmante, ovvero quello degli oltre 180.000 posti di lavoro a rischio.

Imprenditori e commercianti si sono riuniti oggi alla Confcommercio per analizzare i dati di una recente indagine, secondo cui, tra l’altro il 9% dei commercianti (16% al Sud e 4% al Nord) ha subito minacce di estorsione.

 

Minniti: «Alleanza Stato-imprese per la sicurezza»

 

Sui dati dell’indagine Confcommercio GfK Italia che analizzano i fenomeni criminali negli esercizi commerciali, nelle imprese del turismo, dei servizi e dei trasporti il ministro dell’Interno, Marco Minniti ha proposto «un’alleanza tra Stato e associazioni delle imprese» per la sicurezza.

Minniti inoltre ha dichiarato: «La sicurezza è un prerequisito per le politiche di sviluppo; quando si fanno le leggi di bilancio io dico che bisogna investire in sicurezza, perché ogni soldo investito in sicurezza è un moltiplicatore economico. Abbiamo un Paese che cresce e che sempre più a livello internazionale viene concepito come un Paese degno di essere visitato e dobbiamo vincere la sfida della sicurezza senza farlo diventare un Paese militarizzato e offuscare la bellezza».

 

Le perdite dovute all’illegalità

 

L’illegalità continua comunque ad uccidere molte attività commerciali in tutto il territorio nazionale. Tra le varie pratiche che vanno ad inficiare maggiormente su costi e guadagni c’è l’abusivismo (14,4 miliardi), seguito da contraffazione (3,5 miliardi) e beni sottratti dai taccheggiatori (3,7 miliardi), per un totale di 21,5 miliardi.

A ciò si aggiunge l’azione della criminalità: ferimenti, polizze assicurative, spese difensive ammontano a 5,8 miliardi, la cyber security 1 miliardo. Così si arriva al totale di 28,4 miliardi, il 3,3% in più rispetto allo scorso anno.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button