Cronaca

I feriti più gravi di Capodanno

NAPOLI. I feriti più gravi di Capodanno sono quattro e sono definiti i “feriti del giorno dopo”. La causa scatenante è sempre la stessa:  le vittime hanno raccolto da terra i fuochi artificiali che sono esplosi tra le loro mani.

I feriti più gravi di Capodanno: parla il dirigente del reparto di chirurgia

«Ogni Capodanno ci sono decine di persone ferite anche da schegge di vetro piuttosto che ustionate o con lesioni agli occhi che rappresentano danneggiamenti più lievi che non necessitano ricovero ma continuiamo a seguire con consulenze – spiega Leopoldo Caruso dirigente del reparto di Chirurgia della mano del Vecchio Pellegrini – per chi invece ha subito amputazioni parziali o plurime alle dita, stiamo organizzando le disinfezioni e la camera iperbarica per questi traumi e se rischi settici saranno ridotti li opereremo in questi giorni».


mano ferita


I feriti ancora ricoverati

Alcuni dei pazienti sono ancora ricoverati all’ospedale Vecchio Pellegrini, dove sono giunti il 1 gennaio, due 12enni napoletani, un 13enne di Marano e un 23enne della Costa d’Avorio tutti feriti a causa delle deflagrazione dei botti raccolti in strada.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto