Macerata, fake news su Saviano: “È il solito metodo fascista”

Una fake news millantava la risposta di Roberto Saviano a Tommaso Longobardi sui fatti di Macerata: «Il nigeriano non poteva sapere». In realtà, spiega lo scrittore, quel post è assolutamente falso

NAPOLI. Dopo i tragici fatti di Macerata, in cui un ex candidato della Lega Nord, Luca Traini, ha sparato e ferito 6 extracomunitari in pieno centro, si sono susseguite diverse reazioni. Da politici, persone comuni, personaggi dello spettacolo e anche noti influencer.

La fake news

Tra questi, Tommaso Longobardi che aveva affidato a Twitter la sua risposta a Roberto Saviano, il quale aveva definito Salvini “mandante morale” dell’attentato:

 

 

A questo intervento era seguito un commento in cui Saviano avrebbero scritto: “Il nigeriano non poteva sapere”, riferendosi all’uomo che ha ucciso barbaramente la giovane Pamela Mastropietro.

In quel caso, come è facile immaginare, non si erano fatti attendere risposte indignate e attacchi feroci nei confronti dell’autore di Gomorra.

Saviano, a sua volta, ha affidato la sua risposta a Facebook, sottolineando che quel post apparso su Twitter è falso.

Ecco la risposta di Roberto Saviano:

 

TAG