Cronaca

Vittima innocente della camorra, intitolata aula consiliare a Mena Morlando

GIUGLIANO IN CAMPANIA. Si trovò, sotto casa sua, mentre era in corso una sparatoria tra due uomini della camorra. E uno di questi la prese per farsene scudo. Così il 17 dicembre del 1980 venne uccisa a colpi di pistola, nel centro storico di Giugliano, in via Monte Sion, Mena Morlando, una maestra appena 25enne.

Il ricordo

Oggi a distanza di 37 anni da quel terribile evento a Mena Morlando – come riferito dall’Ansa – è stata intitolata l’aula consiliare del Comune a nord di Napoli. Alla cerimonia hanno preso parte il prefetto di Napoli, Carmela Pagano; il presidente dell’Anac, Raffaele Cantone; i rappresentanti delle forze dell’ordine; il sindaco di Giugliano, Antonio Poziello; il presidente del Consiglio comunale, Luigi Sequino e i fratelli di Mena. Toccante la lettera che alcuni bambini delle scuole elementari hanno letto: “Ora maestra Mena sei lassù a insegnare, tra gli angeli, con don Peppe Diana, Falcone e Borsellino”. A Mena, ha detto il sindaco di Giugliano, “bisogna chiedere perdono, anche per l’omertà che ha coperto per anni quell’atroce delitto”. (Foto Ansa)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button