Cronaca

Napoli, operazione “Alto Impatto”: quattro persone arrestate

Sono quattro gli arresti a conclusione dell’operazione “alto impatto” dei carabinieri di Napoli, impegnati in un servizio di controllo straordinario sul territorio.

Operazione “Alto Impatto” a Napoli: quattro arresti

Due persone sono state arrestate per spaccio e, in particolare, uno di questi, Luigi Acone, aveva trasformato le crepe dei piloni della tangenziale, in veri e propri nascondigli dove infilare le dosi pronte per essere vendute.

Il 39enne di Poggioreale, già noto alle forze dell’ordine, è stato sorpreso dai carabinieri della compagnia Poggioreale, su corso Malta mentre prelevava marijuana e hashish da una di queste crepe. Ad Acone, che attende il rito per direttissima, i militari hanno sequestrato circa 23,8 grammi di marijuana suddivisi in 22 dosi e 25,7 di hashish suddivisi in 6 stecchette oltre a 125 euro di contanti.

Un altro giovane, G. Boccalà di 26 anni, anche lui già noto alle forze dell’ordine, è stato intercettato dai carabinieri della stazione Ponticelli, mentre vendeva una dose di marijuana e arrestato, per spaccio. In questi casi, anche l’acquirente è stato identificato e segnalato alla Prefettura mentre lo spacciatore è in attesa del giudizio con rito direttissimo.

Il terzo arresto, ancora dei carabinieri di Poggioreale, riguarda un 44enne di Scampia. L’uomo, è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari per atti persecutori grazie alle denunce sporte dalla ex moglie. Dopo il naufragio del matrimonio, a febbraio scorso, l’uomo aveva cominciato a seguire la donna minacciandola e insultandola.

L’ex moglie caduta in uno stato di ansia e paura. aveva visto come unica via d’uscita la denuncia, permettendo così ai militari, dopo gli opportuni accertamenti, l’arresto del suo stalker.

Infine, A. Improta, un 50enne di Barra, è stato arrestato per evasione dai carabinieri della stazione di Barra che lo hanno sorpreso in strada nonostante fosse sottoposto ai domiciliari per un furto. Anche lui è in attesa del giudizio con rito direttissimo.

Articoli correlati

Back to top button