Cronaca

Napoli, ossigeno: l’inserzione shock “Vuoi la bombola? 50 euro”

Mancano bombole di ossigeno perché in tanti non le restituiscono. Motivo per cui i farmacisti campani si sono affannati in accorati appelli

Emergenza nell’emergenza. Mancano bombole di ossigeno perché in tanti non le restituiscono. Motivo per cui i farmacisti campani nelle ultime ore si sono affannati in accorati appelli: “Chi ha in casa bombole vuote le consegni con urgenza alla propria farmacia di riferimento”.

Napoli, l’inserzione choc sulle bombole di ossigeno

Come riporta “Il Mattino”, in questo scenario può anche accadere che l’emergenza favorisca azioni di sciacallaggio, tanto che su Facebook compaiono pagine dedicate al mercato dell’usato con bombole vuote in vendita a 50 euro. Come è accaduto su un profilo che propone una propria offerta nell’area tra Pompei, Torre Annunziata, Scafati e Castellammare di Stabia.

La reazione

Indignata è stata la reazione dei farmacisti che hanno segnalato il caso e hanno chiesto alla polizia postale di indagare per risalire all’autore dell’annuncio, anche perché, speculazione a parte, vendere bombole d’ossigeno senza le dovute accortezze previste dal protocollo è pericoloso. La bombola potrebbe infatti esplodere oppure creare danni gravi ai polmoni di chi inala aria senza che vi siano stati i dovuti controlli.

La carenza di bombole di ossigeno mette in seria difficoltà la gestione delle emergenze, in particolare quella legata alla possibilità di curare i malati a domicilio, e finisce per alimentare comportamenti illeciti. Un malcostume che i farmacisti denunciano con forza.

Fonte: Il Mattino


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

Articoli correlati

Back to top button