Cronaca

Sequestrato porticciolo abusivo con 187 imbarcazioni a Nisida

Nisida, maxi sequestro di barche al porticciolo. L’ispezione subacquea ha consentito di rilevare i vari sistemi di ancoraggio

Maxi sequestro di barche al porticciolo di Nisida che ormai era invaso da imbarcazioni ormeggiate in maniera abusiva. La Guardia di Finanza e la Guardia costiera ne hanno individuato e multato ben 187 e hanno sequestrato un’area marina di 40mila metri quadrati trasformata in ormeggio e denunciato i sei gestori.

Nei giorni scorsi, i militari della Stazione Navale di Napoli, congiuntamente al personale della Capitaneria di Porto di Napoli – Nucleo P.G. e 2° Nucleo Operatori Subacquei -, nel corso di un servizio di polizia demaniale finalizzato al controllo del territorio e alla verifica sulla regolarità delle previste concessioni demaniali, sono intervenuti nello specchio acqueo antistante il lungomare Coroglio, in prossimità del porticciolo di Nisida.

Nisida, maxi sequestro di barche al porticciolo

Con l’ausilio di mezzi navali del Corpo e della Capitaneria di Porto, è stato possibile sottoporre a sequestro di uno specchio acqueo occupato abusivamente e dedicato all’ormeggio di natanti. L’ispezione subacquea ha consentito di rilevare i vari sistemi di ancoraggio costituiti da grossi massi/bidoni in cemento, collegati tra loro da catenari, a cui erano ormeggiate in modo precario e non autorizzato, le varie unità da diporto.

La sopracitata condotta illecita che dai primi elementi informativi raccolti avrebbe prodotto ai gestori un guadagno non dichiarato complessivo di circa 225mila euro, ha portato al sequestro di un’area di circa 40mila metri quadri e 187 natanti ivi ormeggiati irregolarmente. Contestualmente sono stati segnalati all’Autorità Giudiziaria i 6 soggetti, gestori dell’area abusiva, per “invasione dei terreni o edifici” e “abusiva occupazione dello spazio demaniale” secondo quanto sancito dal Codice della Navigazione.

Articoli correlati

Back to top button