Scoperto arsenale da guerra e droga in un ascensore: sequestro nel Napoletano

Le armi erano nascoste in una intercapedine sotto al vano motore di un ascensore e sotto i parapetti di un terrazzo. Trovato 1,7 chili di cocaina pura

Un kalashnikov, una mitraglietta, 5 pistole e un silenziatore insieme a centinaia di munizioni per armi comuni da guerra. E’ l’arsenale scoperto e sequestrato dai carabinieri hanno effettuato una serie di controlli nell’insediamento di edilizia popolare a Castello di Cisterna chiamato “rione legge 219”, nel Napoletano, dove da tempo sono in atto fibrillazioni criminali per l’acquisizione del controllo degli affari illeciti.

Operazione dei carabinieri a Castello di Cisterna

Le armi erano nascoste in una intercapedine sotto al vano motore di un ascensore e sotto i parapetti di un terrazzo. Oltre alle armi i militari hanno trovato 1,7 chili di cocaina pura (ancora da dividere e dalla quale si sarebbero potute ricavare migliaia di dosi). E ancora crack, marijuana e hashish già in dosi. Le armi sono state inviate al Racis di Roma per verificare il loro eventuale utilizzo in fatti di sangue o intimidazione.

TAG