Cronaca

Trovate pistole, bombe a mano e pettorine della polizia nel “Bronx”

NAPOLI. Stamattina si è svolta una massiccia operazione di controllo straordinario del territorio, che ha visto la partecipazione di numerosi agenti del commissariato “San Giovanni-Barra”, del reparto prevenzione crimine Campania, dell’ufficio prevenzione generale, del IV reparto mobile, della polizia scientifica, della sezione cinofili, della sezione artificieri, della squadra dei tagliatori dei vigili del fuoco, con l’ausilio di una pattuglia dei caschi bianchi. Lo riporta il quotidiano NapoliToday.

La vicenda

Nel quartiere di San Giovanni a Teduccio, presso la zona conosciuta come “Bronx”, sono state effettuate ingenti perquisizioni domiciliari che hanno portato al ritrovamento, all’interno di un box su cui ora sono indagini in corso per accertarne il possesso,  di 2 bombe a mano da guerra, di fabbricazione della ex Jugoslavia, del tipo M75 e M91; due pistole Glock, complete di caricatore e rifornite di munizionamento, una delle quali con il colpo in canna; 103 proiettili di vario calibro; sei passamontagna, due caricatori per pistole, uno scalda-collo, due caschi integrali da moto, due pettorine con la scritta “polizia”, due paia di manette, due porta-placche ed una fondina per pistola.

All’interno, invece di altro box, in uso ad una 48enne del posto, sono state rinvenute  25 centraline per autovetture ed una moto Honda NC750, risultata rubata nel 2016 in Cava dei Tirreni (Salerno). La 48enne è stata denunciata, in stato di libertà, perché responsabile di ricettazione di oggetti ed arnesi atti al furto di autovetture, mentre il box è stato sequestrato penalmente. In un’area adiacente, inoltre, è stata rinvenuta una Fiat 500 priva di targhe, oggetto di furto nel quartiere Posillipo lo scorso luglio. Nel corso dei servizi sono stati sottoposti a controllo ben 22 box e garage.

I controlli

Effettuate numerose perquisizioni domiciliari, oltre a specifici controlli a persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button