Cronaca

Turista stuprata a Napoli, il barista si difende: “Era consenziente”

Il barista, a processo per il caso della turista stuprata a Napoli, si difende davanti al gip: “Il rapporto era consenziente”. L’interrogatorio di garanzia si è tenuto nella mattinata di ieri, lunedì 4 marzo. Il 27enne è finito agli arresti domiciliari. Lo riporta l’odierna edizione del Mattino.

Turista stuprata a Napoli, il barista si difende davant al Gip: “Era consenziente”

Difeso dall’avvocato Roberto Saccomanno, nella mattinata di ieri lunedì 4 marzo, il barista 27enne non si è avvalso della facoltà di rispondere anzi ha fornito la sua versione dei fatti, offrendo un racconto ufuale e contrario a quello della vittima, una turista inglese: “Non l’ho violentata. C’è stato un approccio, lei era d’accordo, era consenziente”. Poi ha parlato di particolari intimi sul modo in cui si sarebbe consumato il rapporto.

Alessia Benincasa

Alessia Benincasa, giornalista del network L'Occhio, è esperta in cronaca nera, politica e inchieste.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio