Cronaca

Cardito, accendono la candela di preghiera per il Coronavirus, si incendia casa

Incendio stanotte a Cardito, comune dell’area nord di Napoli, dove una famiglia ha lasciato accesa una candela sul terrazzino di casa. Doveva essere un segno di partecipazione all’iniziativa, in piena emergenza coronavirus, di porre lumini su davanzali e balconi. Devastati dalle fiamme il primo piano della palazzina ai confini con Afragola e un’auto parcheggiata in strada. I condomini, che in quel momento dormivano, sono riusciti a mettersi in salvo.

Accendono una candela per il coronavirus e si incendia casa

Si è rischiata la tragedia. L’incendio è divampato al primo piano di una palazzina posta sull’esatto confine tra Cardito e Afragola a causa di una candela.

Quest’ultima era stata lasciata accesa fuori al terrazzino come segno di partecipazione all’iniziativa che invita a porre lumini su davanzali e balconi. La proposta sta correndo su whatsapp e sui social con l’hashtag #tuttoandràbene come gesto solidale e di speranza nei pesanti giorni dell’emergenza coronavirus. Ad andare in fiamme per primo è stato il materiale presente sul balcone ed è così che le scintille, cadute giù, hanno incendiato un’auto parcheggiata lungo il marciapiede.



Gli abitanti dell’appartamento, che in quel momento dormivano, si sono accorti di quello che stava accadendo dal crepitio delle vampe che hanno inghiottito il veicolo.

Dopo qualche secondo di panico sono riusciti a mettersi in salvo precipitandosi in strada ed hanno chiamato i vigili del fuoco. Intorno alle 4.30 del mattino i pompieri della caserma di Afragola sono giunti sul posto per spegnere il fuoco che lambiva anche il secondo piano dello stabile con il rischio di crolli delle strutture. La squadra, grazie all’intervento di due camion e sei vigili, ha impiegato diverse ore per domare l’incendio che ha devastato l’abitazione e sprigionato alte colonne di fumo nero.

L’intervento dei vigili del fuoco

Tutto è bene quel che finisce bene, ma i vigili del fuoco del distaccamento Afragola, all’indomani di un episodio che poteva avere conseguenze gravi, lanciano un appello ai cittadini del Comune nell’area nord di Napoli e non solo. “Esortiamo gli abitanti di Afragola – dicono – e chiunque partecipi alle campagne social, seppur lodevoli, di sostegno collettivo a non lasciare incustodite le candele sui davanzali o sui balconi.

Il rischio di incendio è elevato, mettendo a repentaglio la salute di tutti. Meglio limitarsi agli applausi e ai canti che in queste ore attraversano le nostre città”.


Leggi anche:

 

Articoli correlati

Back to top button