Lavoro

Chiusura Whirlpool, la protesta: “È una tragedia, azienda viene meno ai patti”

É caos intorno alla chiusura dello stabilimento della Whirlpool di via Argine a Napoli. Da venerdì scorso i lavoratori stanno presidiano lo stabilimento dove quest’oggi è intervenuto anche Gianluca Ficco, segretario nazionale della Uilm che ha preso parte all’assemblea.

Chiusura Whirlpool, l’attacco di Ficco

“L’azienda sta provando a venire meno ai patti. Ci avevano annunciato investimenti, che avrebbero portato nuove produzioni. Ora a distanza di sette mesi ci dice che non è vero niente, sfilandosi da Napoli e rinnegando il patto”. Per il segretario generale Uilm Campania, Giovanni Sgambati: “Se il Governo non è in grado di far recedere una multinazionale è un Governo inutile”. 

La segretaria nazionale Fim Cisl, Alessandra Diamani, ha sottolineato:  “Nessuno può mettere una croce rossa su questo stabilimento – ha affermato Alessandra Damiani, segretaria nazionale Fim Cisl – c’è un accordo ancora valido”.

Paolo Siotto

Giornalista pubblicista dal 2015, collabora per l'Occhio da giugno 2019 dopo diverse esperienze con testate locali tra cui il quotidiano Metropolis. Redattore per SalernitanaNews, nel tempo libero ama dedicarsi alla buona musica.

Articoli correlati

Back to top button