Cronaca

Giovane ucciso da poliziotto, Gabrielli: “Presto taser agli agenti”

“Abbiamo terminato l’iter per dotare tutto il nostro personale di taser. Inizieremo a breve una sperimentazione sul campo per sottolineare che l’amministrazione è attenta alla sicurezza del nostro personale, senza arrecare eccessivo danno alle persone che dovessero trovarsi al di là della barricata”. Così il capo della Polizia Franco Gabrielli, uscendo dall’ospedale San Martino di Genova dove ha fatto visita al poliziotto rimasto ferito domenica scorsa nel quartiere di Borzoli, dove un agente ha ucciso con due colpi di pistola un giovane 20enne che stava accoltellando un collega durante una colluttazione. La notizia è riportata dall’Adnkronos.

Taser a partire dai carabinieri

“Cominceremo con l’Arma dei carabinieri e in parte la guardia di finanza in diverse città italiane e poi il taser sarà fornito in dotazione alle forze dell’ordine su tutto il territorio nazionale“. “L’iter – ha aggiunto il capo della polizia – era iniziato alla fine del 2014. Ora avvieremo una sperimentazione operativa sul campo perché sono armi che devono essere assegnate con una certa modalità”.

Il taser, conosciuto anche come “pistola elettrica”, è un dispositivo di diffusione elettrica che genera scariche in grado di stordire o immobilizzare la vittima in modo da renderla innocua.

L’intervento di Salvini

Anche il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha commentato l’episodio, via Twitter:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button