Curiosità

Peppino di Capri: “La mia isola deve essere privilegiata, non disagiata”

CAPRI. «Capri deve essere un’isola privilegiata, non disagiata. Il termine disagiato è sbagliato, danneggia l’immagine di fama nel mondo e non si addice alle bellezze che la natura ci ha regalato, anche se persistono alcune problematiche relative a sanità, trasporti, scuola e sovraffollamento sulle quali bisogna intervenire da parte dei sindaci per eliminarle». Lo ha dichiarato all’Ansa Peppino di Capri, commentando la raccolta di firme per la proposta di legge di iniziativa popolare che prevede il riconoscimento di status di località svantaggiata e disagiata alle isole minori attraverso la modifica dell’articolo 119 della Costituzione.

Le parole di Peppino di Capri

«L’isola deve restare quel paradiso che tutti ambiscono a visitare e risiedere, sia italiani e stranieri, molti dei quali per apprezzarne le bellezze vengono da nazioni e paesi lontanissimi», ha detto Peppino di Capri.

«I disagi minimi vanno sicuramente affrontati e risolti dai sindaci» ha aggiunto il cantante. «Capri, al di là della raccolta di firme, resta l’isola che fa incantare tutti con una parola, così come nei versi di Luna Caprese».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto