Cronaca

Streptococco, picco di infezioni tra i bambini: “Antibiotici introvabili”

Picco di infezioni da streptococco tra i bambini: come per l’emergenza Covid, anche questa volta gli antibiotici sono introvabili. “La produzione di antibiotici – spiega Alfredo Guarino, ordinario di pediatria della Federico II – è stata ridotta negli ultimi anni per il calo drastico”. Lo riporta l’odierna edizione del Mattino.

Streptococco, picco di infezioni tra i bambini

Come verificatosi con l’azitromicina, diventato introvabile durante la pandemia, ora tocca all’amoxicillina dispensato col contagocce dalle farmacie napoletane a causa di un uso eccessivo a fronte di un picco di infezioni da streptococco: “La produzione di antibiotici – spiega Alfredo Guarino, ordinario di pediatria della Federico II – è stata ridotta negli ultimi anni per il calo drastico di infezioni batteriche in corso di pandemia grazie all’uso delle mascherine. L’antibiotico più usato, peraltro inutilmente, in quegli anni era l’azitromicina ma oggi ci ritroviamo a fare i conti con un eccesso di prescrizioni di quest’altra specialità abusata nel trattamento delle infezioni da streptococco tra i bambini“.

“Si sono fatti e si continuano a fare – continua Guarino – centinaia di tamponi non necessari soprattutto ai bambini piccoli, sotto i 3-5 anni, età in cui il rischio di malattia reumatica è quasi inesistente”. Il tasso stimato di portatori sani di streptococco è altissimo, particolarmente nelle scuole. In questi casi i tamponi non vanno effettuati: “Questo semplice concetto sfugge e va trasferito a cittadini e famiglie – aggiunge Vincenzo Tipo primario del pronto soccorso del Santobono che di bambini affetti da streptococco, negli ultimi mesi ne ha visti centinaia, la ricerca del batterio va fatta solo in bambini sintomatici dopo una visita dal pediatra”.

Ma come riconoscerlo: i sintomi sono febbre e mal di gola, spesso con l’insorgere della scarlattina: “Anche in questi giorni stiamo vedendo un’alta percentuale di positività al tampone ma il picco c’è stato tra marzo e aprile. Con la fine delle attività scolastiche i contagi si ridurranno”.

Alessia Benincasa

Alessia Benincasa, giornalista del network L'Occhio, è esperta in cronaca nera, politica e inchieste.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio