Cronaca

Bolletta shock al Cardarelli da 11,5 milioni: “Non possiamo rinunciare a macchinari o reparti”

“Non posso spegnere i macchinari, serve una soluzione”, spiega il direttore generale D’Amore

Bolletta della luce shock anche al Cardarelli di Napoli, da circa 11,5 milioni di euro: “Non posso spegnere i macchinari, serve una soluzione”, spiega il direttore generale D’Amore. L’aumento del costo dell’energia elettrica ha messo in crisi molti professionisti e titolari ma anche gli ospedali non sono indenni a questa crisi, si rischia un vero e proprio collasso finanziario.

Bolletta al Cardarelli da 11,5 milioni: “Serve una soluzione”

È allarme su tutti i fronti: l’aumento del costo dell’energia elettrica ha messo in crisi molti professionisti e titolari ma anche gli ospedali non sono indenni a questa crisi, si rischia un vero e proprio collasso finanziario.

Il Cardarelli infatti ha ricevuto una bolletta con un costo quasi raddoppiato: si parla di 11,5 milioni. Antonio D’Amore, direttore generale dell’ospedale Antonio Cardarelli di Napoli ha dichiarato che servono delle soluzioni.

“Bolletta passata da 5,6 a 11,5 milioni”

“La nostra bolletta della luce è passata da 5,6 a 11,5 milioni di euro”, ha spiegato D’Amore, “un aumento difficile da sostenere. Come faremo a chiudere il bilancio in pareggio? Di certo non possiamo tagliare i servizi oppure spegnere le fonti energetiche, che sono indispensabili per il funzionamento dei macchinari e dei reparti. Non posso spegnere una Tac, avremo grossi problemi”, ha spiegato.

Articoli correlati

Back to top button