Cronaca

Covid, Ricciardi: “Napoli prima diventa zona rossa e meglio è. Bisogna agire subito”

"Napoli prima diventa zona rossa e meglio è. Bisogna agire subito", ad affermarlo il Prof. Walter Ricciardi

Napoli prima diventa zona rossa e meglio è. Bisogna agire subito“, ad affermarlo il Prof. Walter Ricciardi, consulente del Ministro della Salute Roberto Speranza, ha parlato a Radio Punto Nuovo della situazione Coronavirus nella città di Napoli e in Campania.

Covid, Ricciardi: ““Ricordo bene i dati di Napoli, prima diventa zona rossa e meglio è”

Ricordo bene i dati di Napoli, prima diventa zona rossa e meglio è. I casi sono talmente numerosi e non ci sono i modi per contenere l’epidemia attraverso il tracciamento. Per aree metropolitane che hanno indice di contagio di 2-3 o 2.4 c’è il raddoppio dei casi ogni due giorni e diventa impossibile la sostenibilità per il sistema sanitario. Se non ci sono i morti, sembra che la gente a casa non resti”.

Aggiunge Ricciardi

All’interno della Campania va pensato un distinguo per le varie province, più che lockdown generali, in questo momento siamo per lockdown specifici di 2-3 settimane. Stesso vale anche per le scuole a Napoli: ci sono tanti focolai anche nelle scuole, quindi vanno chiuse anche le scuole in aree come Napoli. Al Cotugno sono già saturati. Se non agiamo adesso, abbiamo un rischio superiore a marzo, anche come morti, anche perché andiamo incontro all’inverno.

Nelle regioni del Sud corriamo il rischio di vedere le stesse immagini viste a Bergamo, con i medici che ricominciano ad infettarsi. Se si vive a Napoli, per gli anziani è bene chiudersi in casa: lavaggio delle mani e mascherini gesti inevitabili. Bisogna mantenere gli spostamenti al minimo, come faccio io a Roma. Se siamo responsabili, con lockdown mirati, invertiamo la curva”.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto