Cronaca

Da Scampia e Secondigliano per compiere rapine in banca al Nord: 7 arresti

Da Scampia e Secondigliano per compiere rapine al Nord. Supera i 300mila euro il bottino complessivo delle tre rapine in banca attribuite alla banda sgominata dalla squadra Mobile di Bologna, al termine di un’indagine coordinata dal Pm Stefano Dambruoso che ha portato all’esecuzione di sette misure cautelari (sei in carcere e una ai domiciliari).

Da Scampia e Secondigliano per compiere rapine

Gli indagati sono tutti di Scampia e Secondigliano, età fra i 34 e i 67 anni, individuati anche grazie all’esame dei filmati della videosorveglianza delle banche, oltre a testimonianze e accertamenti sulle ‘celle’ telefoniche. Due sono padre e figlio residenti a Parma.

Al primo, il più anziano del gruppo, la misura degli arresti domiciliari è stata notificata all’ospedale Rizzoli di Bologna dove è attualmente ricoverato per problemi di salute. I due erano incaricati di individuare gli obiettivi e dare appoggio logistico ai complici che, al momento opportuno, partivano da Napoli per compiere le rapine.

Quelle attribuite, a vario titolo, ai componenti della banda sono tre: al Banco Desio di via della Ferriera a Bologna (maggio 2019, bottino 66mila euro), alla Banca di Piacenza di Cadeo, nel Piacentino (giugno 2019, bottino 90mila euro) e al Montepaschi di Padova (settembre 2019, bottino 160mila euro).

Il modus operandi

Il modus operandi era ricorrente e si basava su una precisa suddivisione dei ruoli. Due dei componenti della banda, incensurati, avevano la funzione di ‘apriporta’ e si presentavano a volto scoperto nelle banche. Una volta all’interno, l’apriporta minacciava verbalmente i cassieri per fare entrare i complici, mascherati ma senza armi in vista. Non hanno mai usato violenza ma in tutti i ‘colpi’ hanno tenuto a lungo in ostaggio impiegati e clienti: 13 persone nell’episodio di Bologna, una decina a Piacenza, 17 a Padova. Per non lasciare impronte, si cospargevano i polpastrelli di colla. Alcuni degli indagati erano stati già arrestati lo scorso novembre dai Carabinieri per un ‘colpo’ dalle modalita’ analoghe compiuto in una banca di Comacchio (Ferrara).

Gli arrestati

  • Gennaro Ambrosio di 57 anni
  • Giovanni Catone di 34
  • Pasquale Mancini di 61
  • Luigi Rusciano di 36
  • Michele Mocerino di 74e  il figlio, Raffaele Mocerino di 47
  • Biagio Reca, 66enne

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto