Cronaca

Suicidio a Brescia, morto un carabiniere di Portici: aperta l’inchiesta

Suicidio a Brescia: per il carabinieri morto con un colpo di pistola, la Procura ha deciso di aprire un’inchiesta. Sequestrati smartphone e pistola.

Le indagini sul suicidio del giovane carabiniere di Portici

Un carabiniere di Portici è morto suicida a Brescia nella mattinata di venerdì nella caserma di Vobarno. Eppure, tanti particolari non convincono la Procura che ha deciso di aprire un’inchiesta sul caso.

In queste ore si è provveduto a sequestrare la pistola d’ordinanza (che il militare 23enne ha utilizzato per compiere il suicidio) e il suo telefono smartphone. Stando alle prime ricostruzioni del caso, il giovane si sarebbe sparato verso le ore 9 e 30 del mattino, esattamente mezz’ora dopo essere entrato in servizio. A scoprire il tutto sono stati i colleghi che hanno cercato di aiutarlo mentre era in un lago di sangue: purtroppo non c’è stato nulla fare nonostante gli immediati interventi.

La salma del giovane militare è in ospedale: i genitori hanno autorizzato l’espianto degli organi. Alla base del gesto del 23enne ci sarebbero stati problemi sul posto di lavoro, eppure manca ancora la totale chiarezza sull’accaduto. Le indagini proseguono.

 

 

Articoli correlati

Back to top button