Cronaca

Napoli, rissa tra tassisti: calci e pugni per punire chi usa l’app Uber

Tassisti teppisti. È una scena che non fa certo onore alla categoria dei conducenti delle auto bianche quella ripresa e rilanciata sui canali social l’altra sera, quando sono volati insulti, minacce e soprattutto botte da orbi. Un caso che non può essere trascurato dalle forze dell’ordine, ma anche dai responsabili del Corso pubblico del Comune di Napoli.

Napoli, violenza contro i tassisti di Uber: calci e pugni

Veniamo ai fatti. Tutto accade nella serata di lunedì, nel centro di Napoli, e per di più sotto non lontano da una caserma della Guardia di Finanza. E così via Depretis si trasforma in un ring: succede quando un gruppo di energumeni si scaglia contro un altro tassista, colpevole di appartenere ad una sigla di cooperativa diversa dalla loro, e soprattutto rea di lavorare in accordi commerciali anche con Uber. Vecchie e nuove ruggini scatenano un parapiglia, sotto gli occhi di decine di testimoni e di passanti e automobilisti terrorizzati.

Qualcuno registra anche le fasi di quella che assume tutti i contorni di una vera e propria spedizione punitiva: lo fa filmando le fasi del linciaggio con il solito telefonino. il video diventa virale, viene rilanciato sui social e del caso se ne occupa il parlamentare verde Francesco Emilio Borrelli.

La scena si svolge in via Depretis, probabilmente in uno dei punti di stazionamento dei taxi, almeno così sembra osservando la disposizione di alcune auto bianche in fila accostate al marciapiedi. È notte, ma non è possibile individuare l’orario preciso. All’improvviso un gruppo circonda e aggredisce brutalmente un uomo, anche lui è un tassista. Volano parole pesanti e poi il gruppo si scaglia con calci, pugni e testate sull’uomo solo, che non riesce a difendersi. In un secondo video, poi, si riconoscono bene anche gli aggressori.

Borrelli: ”Gli aggressori vanno identificati e denunciati”

Secondo quanto raccontato da alcuni testimoni, la notte tra il 17 ed il 18 aprile due tassisti sarebbero stati aggrediti in via Depretis da alcuni loro colleghi ed il motivo sarebbe legato al fatto che i due aggrediti lavorerebbero con un radiotaxi partner di Uber. «Una violenza assurda ed ingiustificata che non si può assolutamente tollerare – concludono – Gli aggressori vanno tutti identificati e denunciati. Le vittime sono state ricoverate in ospedale e ci sarebbero delle indagini in corso per identificare i responsabili di questa vile aggressione. Ci aspettiamo condanne severe. Chi vuol far prevalere le proprie ragioni affidandosi alla violenza deve essere condannato, non può essere giustificato e non può svolgere questa attività».

Naturalmente non si deve mai generalizzare, guai a condannare un’intera categoria. Ma questo agghiacciante linciaggio non può restare impunito, e pur senza infangare chi lavora onestamente sulle auto bianche, serve un’indagine rapida e rigorosa. Anche da parte del Comune.

Alessia Benincasa

Alessia Benincasa, giornalista del network L'Occhio, è esperta in cronaca nera, politica e inchieste.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio